Desenzano del Garda

desenzanoIn provincia di Brescia, in uno dei più accoglienti golfi del Lago di Garda, sorge Desenzano, celebre località turistica amata già dagli antichi Romani.

Il comune è nato sulle rive meridionali del Lago di Garda, il più vasto dell'Italia in quanto a superficie, nonchè uno dei più celebri per i servizi offerti ai turisti, provenienti da ogni parte d'Europa.

Desenzano sul Garda è un'incantevole cittadina, dal clima piacevole in ogni periodo dell'anno ed in particolare nei mesi estivi, baciati dal sole ed accarezzati da una leggera brezza.

L'effetto benefico del bacino è infatti notevole, sia sulle temperature che sulla purezza dell'aria, eccezionalmente salubre, soprattutto per chi provenga dalle affollate città.

Desenzano si colloca nella pregevole cornice delle colline moreniche, dalle cui rocce fluisce ancora oggi la storia millenaria di questa cittadina. Tesoro lacustre, vivida testimonianza della compartecipazione dell'uomo con la natura, mantiene tutt'oggi la sua esclusiva posizione di crocevia tra i monti e la pianura.
L'effervescente vitalità di Desenzano si concentra nelle vie principali, che collegano il nucleo portuale a quello collinare. La sua peculiarità è la presenza di tre fasi storiche principali, le cui attestazioni rimangono sul suolo desenzanese come perpetua affermazione di sé attraverso i secoli: la storia più antica si respira nel sito archeologico della Villa Romana; sulla rocca, in posizione preminente, rimane il castello medievale che svetta sul centro abitato, tra le cui case si erge il Duomo rinascimentale.

Piazza MalvezziPiazza Malvezzi, cuore del centro storico di Desenzano, ospita alcuni edifici di rilevante importanza, opera dell'architetto Giulio Todeschini e risalenti alla seconda metà del XVI secolo.

Palazzo Todeschini, che si affaccia sul porto vecchio con i suoi grandi archi, è l'antica sede del comune e, per la sobrietà dello stile, richiama il Palazzo del Provveditore, la cui facciata si apre in mezzo ai portici.

Al centro della piazza si eleva la settecentesca statua di Sant'Angela Merici, patrona della città.

Dedicato a S. Maria Maddalena e anch'esso opera di Todeschini, il Duomo, che si affaccia con il suo ingresso secondario su piazza Malvezzi, è in linea con il classicismo degli altri palazzi progettati dallo stesso architetto. La chiesa fu edificata a partire dal 1586 e consacrata nel 1611. Essa vanta significative opere di Andrea Celesti, Gian Battista Tiepolo, Giandomenico Cignaroli e altri artisti minori che diedero il proprio contributo in epoche diverse. Stile classico, rinascimentale e barocco coesistono conferendo armonia alla struttura.

Il Duomo  duomo02

La costruzione del Duomo avvenne per gradi sull'area della preesistente pieve, della quale oggi rimangono il campanile, tre pale d'altare e la statua lignea di S. Maria Maddalena. La posa della prima pietra avvenne il 1° novembre 1586.
La facciata, di impronta settecentesca, si distingue per la fantasiosa eleganza del portale barocco in marmo di Botticino, sormontato dalla statua di Santa Maria Maddalena, e per le volute a spirale che riprendono il simbolo circolare del cosmo, presente nel timpano. Essa presenta due ordini di lesene, doriche e corinzie, due nicchie cieche e alti finestroni che, unitamente alle metope e ai triglifi, donano leggiadria e slancio.
All'interno La Chiesa si presenta divisa in tre navate, delimitate da colonnati dorici conclusi con un cornicione in stucco. Le sedici tele raffiguranti gli apostoli e i simboli degli evangelisti collocate tra le arcate e il cornicione sono opera di A. Celesti (1637-1714).
Del medesimo autore sono la grande tela della Resurrezione e quelle raffiguranti i martirii di S. Eusebio ed Erasmo nella controfacciata. La luce vi gioca un ruolo dominante, conferendo dinamicità e misticismo.

Orari di visita: 7.30 - 12.00; 15.30 – 19.00

La Villa RomanaLa Villa Romana di Desenzano del Garda è oggi la più importante testimonianza delle ville di epoca tardoantica nell'Italia settentrionale. Impreziosita da innumerevoli mosaici pavimentali, che rappresentano motivi geometrici, scene naturali, di pesca e di vendemmia, essa è databile intorno al IV secolo d.C., ma fu scoperta casualmente solo nel 1921.

Chi oggi vuole avere una visione d'insieme della villa, deve con la fantasia far emergere dal complesso dei ruderi le strutture degli ampi e distinti blocchi di edifici risalenti all'inizio del IV sec. d.C, e non tener conto, in questo suo primo approccio, di tutti quegli elementi che risalgono a dimore di periodi antecedenti, i cui resti, disposti su livelli inferiori, qua e là si intravedono. All'ingresso della villa è sistemato un piccolo museo che in tre sale espone materiali provenienti dagli scavi: fra questi vi sono resti di statue e di ritratti molto interessanti oltre a un frantoio per la spremitura di uva o di olive.

Orario di visita: 1 marzo – 31 ottobre 8.30 – 19.00, 1 novembre – 28 febbraio 8.30 – 16.30
Giorno di chiusura lunedì

 

Il Castello di Desenzano del GardaIl castello medievale, collocato nel punto più alto del centro storico, domina il territorio sottostante, offrendo dalla sua torre un panorama ampio e suggestivo sia del lago sia dell'entroterra desenzanese.

Eretto tra il IX e X secolo, svolgeva una funzione di accoglienza in caso di pericolo. Il recente restauro ha reso possibile visitare, oltre al mastio, in origine munito di ponte levatoio, una parte delle mura perimetrali, intervallate da torri circolari e rettangolari e completate da merlature ghibelline.

Orario di visita: 15 Giugno – 15 Settembre 9.30 – 12.00; 16.30 – 19.30
Chiuso il lunedì